Home » La redazione » dott.ssa Nashira Laura Andreon

dott.ssa Nashira Laura Andreon

Mi sono laureata nel 2007 in Psicologia Clinica presso l’Università San Raffaele di Milano e successivamente mi sono specializzata in Psicoterapia presso l’Institute of Costructivist Psychology di Padova, scuola quadriennale di specializzazione in psicoterapia ad orientamento costruttivista.

Ho scelto questo approccio e questa scuola perché nei suoi presupposti teorici ho trovato il rispetto profondo per il modo unico in cui ogni persona dà significato agli eventi, e l’idea che la terapia non consista nell’insegnamento al paziente di risposte e soluzioni oggettive, ma nella ricerca creativa di nuove alternative percorribili dal punto di vista del paziente.

Durante tale formazione e continuando a dar voce all’interesse per la valorizzazione delle risorse personali di ciascun individuo, ho acquisito il diploma di Professional Coach presso la Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching, e ho conseguito un master intensivo in Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane, presso Cosfor a Milano.

Sono abilitata all’esercizio della psicoterapia e iscritta all’albo degli psicologi del Veneto, n. 7381, e socia ordinaria della Società Costruttivista Italiana.
Dopo aver lavorato nel campo dell’educazione con minori e disabili, presso la Cooperativa Azione Solidale di Milano e la Fondazione Don Gnocchi di Milano, ho esercitato l’attività terapeutica, durante la formazione, presso il Centro di Psicoterapia Costruttivista a Padova, e il Centro di Salute Mentale di Mirano, ULSS 13, dove ho continuato a esercitare come volontaria.

Nel 2013-2014 ho lavorato come psicologa per il Servizio Cittadinanza delle Donne e Cultura delle Differenze, presso il Centro Donna del Comune di Venezia.

Successivamente ho conseguito un corso di formazione presso la Società Costruttivista Italiana sul modello Anger Therapy, messo a punto in Irlanda da Peter Cummins ed Elisabetta Petitbon, per la conduzione di gruppi di supporto per uomini che usano violenza nelle relazioni intime.

Da alcuni anni, studio, pratico e approfondisco la Mindfulness, partecipando a diversi ritiri e giornate formative, sia con la Mindfulness Association sia con la tradizione zen di Thich Nath Hanh, integrando questo approccio con la mia formazione psicoterapeutica.
Dal 2013 collaboro con la collega Elisa Vezzi da cui la nascita del sito Psiche Dintorni e l’avvio dello studio professionale presso Studi Cognitivi.

Orientamento

La Psicologia dei Costrutti personali pone al centro del proprio interesse la persona nella sua globalità, intesa come attiva costruttrice di significati, impegnata a dare un senso al proprio mondo.

Il presupposto teorico è che ogni persona attribuisca significati personali agli eventi, e che tali significati guidino la persona nei propri modi di fare esperienza.

In quest’ottica, la sofferenza è intesa come qualsiasi significato personale che produce malessere e crea un blocco dell’esperienza. La sensazione è di trovarci senza via d’uscita o alternative possibili a ciò che stiamo vivendo. La sofferenza non è intesa come difetto o malattia, ma come la via maggiormente percorribile, in quel momento, per la persona per far fronte a ciò che vive.

La relazione d’aiuto è considerata come paritaria: il paziente è il massimo esperto dei suoi vissuti e il terapeuta è esperto dei processi di cambiamento; entrambi sono impegnati, entro lo spazio protetto della terapia, a costruire alternative alla situazione di blocco che vive il paziente.

Come psicoterapeuta ad orientamento costruttivista, sono interessata a comprendere il modo unico in cui la persona dà significato agli eventi e ciò che dal suo punto di vista vive come problema, cercando un senso alla sua sofferenza.
Insieme, saremo impegnati a costruire strade alternative che permettano al paziente la ripresa del movimento della propria vita.

La terapia infatti è utile quando aiuta la persona a riversare le proprie abilità creative nella ricerca di nuove possibilità di vivere che abbiano senso per lei.